Perché un blog

Perché un Blog? Perché credo che siamo in una fase particolare. Viviamo immersi in una crisi pesante: economica, sociale, valoriale. Ingiustizie sociali gravi, aumento delle diseguaglianze, disoccupazione giovanile, liquefazione dell’organizzazione statale ci disorientano completamente. Tutti, qualsiasi sia il nostro ruolo sociale, la nostra storia. Ovunque troviamo, quasi come uniche risposte, spinte populiste. Populiste se con questo termine intendiamo le proposte o risposte “facili”, immediate, semplificatrici di problemi complessi ed articolati. Populiste se con questa parola intendiamo le posizioni politiche che parlano alla nostra pancia, alle nostre rabbie, alle nostre paure, e non al cuore ed al cervello.

Mancano riferimenti, mancano valori, mancano idee, proposte sulle quali poggiare le nostre speranze. Abbiamo perso così la capacità di analizzare i problemi e trovarne le soluzioni eque e possibili.

Ciascuno di noi ha allora la voglia di esprimersi, di provare a dire ciò che spera, auspica, pensa.

Oggi abbiamo , grazie alla rete e come mai in passato, la possibilità di far sentire la nostra voce.

Sui social più diffusi è però più difficile. Spesso in essi si scatenano la rabbia, le frustrazioni, i rancori. Non c’è voglia di approfondire, di confrontarsi serenamente. Poche parole oggi non sono sufficienti per incontrarsi, per ritrovarsi.

Un blog può permettere, spero, di fare ragionamenti più pacati.

Spero di poter ospitare tanti amici, per fare di queste pagine virtuali una “piccola stanza della politica”. Ci provo.

In una fase come questa credo che ciascuno di noi, come accade dopo una grave calamità naturale, debba dare una mano per “risistemare”. Ciascuno apportando il poco che può, fosse anche la sola buona volontà.

In questo momento di confusione cerchiamo, allora, tutti, di portare un pezzetto di mattone, per costruire insieme, o meglio ricostruire, ciascuno con le proprie convinzioni, il senso della nostra comunità, del suo destino, del suo futuro, sia essa quella del paese, della nostra regione, della nostra città.

Essere donne ed uomini del proprio tempo!! Mai come oggi è necessario.

Continua a leggere
Politica

Gli infiniti protocolli per il passaggio della caserma Rossi dell’Aquila

Pubblico i due protocolli relativi al passaggio della caserma Rossi e delle altre proprietà del Ministero della Difesa. Quello firmato nel 2013 e quello firmato ieri. Siamo, a mio avviso, ancora in alto mare. E nel frattempo le scuole non si ricostruiscono. Protocollo 18 aprile 2013 Protocollo 6 dicembre 2017 Militari nella caserma Rossi – […]

La nostra città

Studio demografico sulla città dell’Aquila dell’ing. Franco Colonna

Grazie alla cortese autorizzazione del suo autore, l’Ing. Franco Colonna, pubblico sul mio blog questo interessantissimo studio sull’andamento demografico della popolazione , dal 2001 al 2016, nella nostra città. E’ uno studio interessantissimo ed utilissimo, presentato nel corso di un’importante pomeriggio di approfondimento organizzato da MDP-Art, 1, elaborato che ritengo vada letto e riflettuto. Ci […]

La nostra città

Propongo L’Aquila come oggetto dello studio per riformare la burocrazia che blocca i lavori pubblici in Italia

Il 9 e 10 settembre Livorno è stata colpita da una tragica alluvione, che ha provocato 9 vittime e danni enormi. L’ennesima tragedia italiana che, come tutte le calamità naturali, compresi i terremoti, sempre più spesso, coglie il nostro paese impreparato, indifeso, inerme. Queste tragedie ripetute non ci insegnano nulla. Sono lezioni che non vogliamo […]

Abruzzo

Le scuole di specializzazione medica in Abruzzo

A L’Aquila è stato convocato un Consiglio Comunale Straordinario per discutere della presunta soppressione della Scuola di Specializzazione in Pediatria, notizia non vera (ancora una volta non si approfondiscono le questioni). Ritengo però che questa sia un’occasione unica per affrontare il problema delle scuole di specializzazione , dapprima a livello comunale e poi regionale. Le […]